Cerca nel sito

 

 

Piccola presentazione di San Bendetto del Querceto, attualmente sotto il Comune di Monterenzio (Bologna) estratta, in originale,  dall'opera: "Dizionario Corografico, Georgico, Orittologico, Storico, ecc" della   I T A L I A
Composto su le ofservazioni fatte immediatamente fopra ciafcun luogo per lo ftato prefente, e fu le migliori Memorie Storiche e Documenti autentici combinati fopra luogo per lo ftato antico.
OPERA DELLA SOCIETA' COROGRAFICA.
Montagna e collina del territorio bolognese Edito in Bologna MDCCLXXXI Stampati per conto della fuddetta Società nella Stamperia di S. Tommafo d'Aquino.
CON LICENZA DE' SUPERIORI.  
(Nota: il testo antico la lettera "S" in corpo di parola, veniva scritta utilizzando la lettera "F"; il lettore ponendo la lettera S può comprendere pienamente il testo)


 

QUERCETO (a)

   Comune e Parrocchia compofta da 370 anime divife in 74 famiglie, e confinata da Popoli di Gragnàno, di Scannello, di Bisàno, diocefi e ftato bolognefe, de' Casòni di Faldo ftato bolognefe e diocefi d' Imola, di Piancaldoli diocefi d' Imola e ftato di Tofcana.

   Hà quefta Chiefa il Fonte battefimale, il fuo titolare è S. Benedetto, e il diritto della fua collazione appartiene alla menfa Arcivefcovile di Bologna immediatamente.

   La Vifitazione della Pozza, l' Annunziata della Cella, la Prefentazione nei Sterlini, e S. Ròcco unito alla immediata giurifdizione del parroco fono gl' Oratori in quefto territorio efiftenti.

   san bendetto del querceto monterenzioL'aria è delle comuni della Montagna montando il numero de' morti all' un per cento ad anno.

   Uva in quantità fufficiente, poche Frutta, molti Caftagni, moltiffimi Bofchi da legna da fuoco, mediocre quantità di Seta, fufficiente quantità di Fieno, molto Pafcolo da moltiffime terre a fodo, il fegno della Canape, due mifure e mezza circa dal Grano, e due dai pochiffimi Marzatelli che vi fi feminano, fono i raccolti, o i prodotti di quefto territorio, il di cui terreno è compofto da banchi di faffi fluviatili, di creta, di argilla, di arena promifcuamente l' un l' altro foprapofti, e tagliati da qualche banco di Ocree roffe.

   Un Fabbro, un Sarto, un Calzolaio, tre Molinari, alcuni che ingegnanfi nel fare Cappelli di paglia, fono gl'individui che cercano di vivere d' arte o tutto, o parte dell' anno.

   Sognò il 'Mafini' o chi ad effo diede ad intendere, che nel luogo detto ' la fonte' vi fi trovi Ambra gialla perfettiffima e la pietra Gagate (vedi nota 400), poichè, per quante diligenze e ricerche abbiam fatte fopra luogo, non abbiam trovato tali cofe in detto fito, ne in tutto quefto territorio, mà folo ne' fiti cretofi piccoli pezzi di Geffo fpeculare di color d' ambra e nulla più.

   Un folo borghetto trovafi in quefto Comune, chiamato dal 'Montieri . Quercetto', e dal  'Saffi - Querzeto ' ne' loro refpettivi Cataloghi, ed è : Cà Menighelli di famiglie 10.

   In un Iftromento del 1228 confervato nell' Archivio di S. Giovanni in Monte vien nominato quefto luogo (vedi nota 401), un di cui ricco abitante fù richiamato a caffato dal pubblico bando nel 1306 chiamato Bisàno di Bisàno da S. Benedetto.

   E' ftata quefta parrocchia da tempo immemorabile della Congregazione di Barbaròlo xome rifulta dall' elenco del 1366, e chiamavafi in allora  ' Eccl. S. Benedicti Curie Bifani.

   


 (a) - Fuori di Porta S. Stefano quafi in riva del Fiume Idice alla finiftra, lontano dalla Città miglia 17.
(400) - Bol. perl. par. I. pag. 181.
(401) - Lib. 2. num.8. Rog. Angelo Notaro 15. Gennaio 1228.

on 27 Luglio 2021

Visitatori

Abbiamo 221 visitatori e nessun utente online

Torna inizio pagina