Cerca nel sito


Cerco volontari, amanti della ricerca storica,
per una collaborazione nella gestione del presente sito.
Inviare una email a  marco30947@gmail.com  indicando la propria intenzione.
Non si richiede nessuna specializzazione ma solo passione nel mantenere in vita questo sito.
Grazie


(segue la narrazione )

 

LA RETTORA

era scelta, un tempo, fra le Signore iscritte alla Compagnia del SS.mo Sacramento
Un anno veniva scelta tra quelle ancora residenti in Parrocchia;
un anno tra quelle non più residenti in parrocchia.

Nei primi anni della mia presenza qui, come Parroco, ho cercato, nei limiti del possibile di attenermi a questa tradizione; poi dato il numero non più così abbondante come un tempo, di iscritte alla Compagnia del SS.mo Sacramento, ho cominciato a nominare la Rettora senza tener conto se era iscritta o no alla Compagnia del SS.mo Sacramento e senza tener conto della parrocchia di residenza.
L'unico criterio che ho cercato di seguire è stato quello di scegliere Signore ben disposte a questa nomina e che avessero o avessero avuto un rapporto di residenza od origene con la Parrocchia di Barbarolo.

La figura della Rettora un tempo era strettamente legata alla Solennita delle Quarant'ore e del Corpus Domini;
recavano in processione un piccolo Crocefisso in mano, dietro al SS.mo Sacramento e in chiesa, durante le funzioni delle Quarant'ore, avevano uno sgabellino, tutto per loro, fuori dal Presbiterio a lato.

Ora che la Rettora la nomino con criteri un pò diversi ho esteso la loro presenza alle funzioni e alle processioni anche in latre occasioni solenni: Feste ad onore della Beata Vergine di San Luca e Festa Grossa.

La Rettora, prima di terminare il suo anno di servizio prende contatti con il Parroco per concordare un dono utile alla Chiesa da lasciare come ricordo.
Talvolta, la Rettora, consegna un a cifra al Parroco perchè acquisti uno o più oggetti per la Chiesa.

Così posso elencare qui le cose che, negli undici anni di mia permanenza a Barbarolo come Parroco, sono state acquistate in tutto o in parte dalle varie Rettore che si sono succedute:

 Dono Rettora 
- Cero Pasquale, senza supporto Lelli Lina in Monti
- Conopeo color verde e i sei candelotti grandi
  che sono sull'Altare Maggiore
Menetti Lina in Serra
- Croce a stile metallica - senza supporto Gaggioli Annita in Cementi 
- Conopeo color bianco, ricamato in oro Simiani Maria in Sandri
- Amplificatore per l'impianto di diffusione
  in Chiesa e alle trombe installate sul campanile
Maurizzi Alfonsina ved. Dall'Omo
- Conopeo color violaceo Vanti Angiolina ved. Menetti
- Conopeo rosso  (in Broccato) Menetti Ada  ved. Gamberini
- Casula color verde ( più una cifra per la Chiesa) Gamberini Anita ved. Gamberini
- Due tovaglie: una per l'Altare del Crocefisso
   l'altra per l'Altare di San Leonardo da Porto Maurizio.
Menetti Jolanda in Achilluzzi
- Crocefisso in legno Dall'Omo Norina in Menetti
- Completo serie tovaglie per l'Altare Maggiore Nanni Emma in Fonti
- Tovaglia con pizzo a tombolo per l'Altare 
   della Immacolata
Menetti Mafalda in Menetti

 

Quando venni come parroco a Barbarolo, la Rettora Signora Frontini Armida ved. Salomoni non aveva ancora lasciato il ricordo alla Chiesa, ripromettendosi però di farlo. Lo fece, donando la cifra necessaria per l'acquisto del tavolo per l'Altare rivolto al popolo che si trova attualmente nel Presbiterio dell'Altare Maggiore.

 

Qui terminano le memorie scritte con la firma: "don Giorgio Paganelli"
e la nota: "23 Ottobre 1982; data della mia partenza da Barbarolo per recarmi a S. Bartolomeo di Musiano come Parroco".

 

Visitatori

Abbiamo 50 visitatori e nessun utente online

Torna inizio pagina